Crea sito

LA STORIA DI UMBERTIDE

 

La storia dell’agriturismo fonte del giglio risale all'epoca etrusca infatti vicino ad esso possono essere rinvenuti resti medievali della chiesa di Sant’Erasmo.

Il casale è stato al centro di una romantica storia d’amore durante la guerra di Castro nel 1643 quando il paese che allora era chiamato Fratta era sotto assedio da parte delle Granduca di Toscana.Le truppe pontificie asserragliate del borgo e guidati da Matteo Barberini familiarizzarono con gli abitanti  e tra di essi c'era un ufficiale che s'innamorò perdutamente di una ragazza locale. Qualche tempo dopo scoppiò una terribile epidemia che colpì anche il giovane soldato che morì. La giovane fanciulla disperata si lasciò cadere nelle acque del fiume Tevere che scorre 50 m dall’agriturismo, da quel momento nessuno la vide più.

La leggenda narra che nelle notti di luna piena i due si incontrino ancora nel giardino del casale Fonte del Giglio... il loro amore era più forte della morte.

Nelle settecento con le espropriazioni napoleoniche i frati furono cacciati da Sant’Erasmo e l’edificio divenne  la magione di una fattoria.Vennero costruiti grandi silos in muratura che oggi si trova il salone alto quasi 10 metri mentre all'esterno fu preservata la fonte dell'acqua della leggenda dei due giovani innamorati perché si riteneva che fosse magica,  

Alessandra Oddi Baglioni, storica di letteratura passa qui la maggior parte del tempo leggendo i documenti di famiglia dove trova ispirazione per scrivere i suoi libri che potete trovare sul suo sito personale http://alessandraoddibaglioni.blogspot.it/